Come risvegliare l’uomo

Impotenza maschile
TEMPO DI LETTURA: 3 MINUTI

Quando hai il sospetto di soffrire il disagio dell’impotenza maschile, è bene consultare per primo il proprio medico di famiglia. Quando vi è necessità di andare direttamente dallo specialista, rivolgiti all’urologo che è specializzato in disturbi agl’organi genitali maschili o dal medico endocrinologo che è specializzato in disturbi ormonali. Prima di farti visitare, ti consiglio di ascoltare il tuo corpo, di sentirti e di scriverti una lista di:

  • sintomi che senti sul tuo corpo sia inerenti all’impotenza, sia anche quelli che sembrano non essere collegati,
  • informazioni personali compresi recenti cambiamenti di stile di vita e gli stress più significativi
  • tutti i farmaci, integratori, rimedi naturali che assumi,
  • è importante che venga alla visita con te anche la tua partner che ti aiuta quando serve a ricordare eventuali dimenticanze

Scrivi le domande che hai da fare al tuo medico curante, per esempio:

  • Cos’è di preciso che causa la mia difficoltà di erezione ?
  • Quali sono le possibili cause ?
  • Di quale tipo di test ho bisogno ?
  • La mia impotenza è più probabilmente transitoria o cronica?
  • Qual è il miglior modo di agire?
  • Quali sono le opzioni da valutare?
  • Come gestisco al meglio la situazione?
  • Ci sono restrizioni da seguire?
  • C’è alternativa al farmaco che mi prescrive?
  • Ci sono siti web, opuscoli o del materiale da leggere a casa?
  • E’ necessaio che veda uno specialista?

I fattori organici che causano l’impotenza maschile (disfunzione erettile) sono da individuare tramite un’accurata valutazione medica allo scopo di verificare le possibili cause mediche. I principali esami medici che si eseguono per verificare la presenza di cause organiche d’impotenza maschile, sono:

  • Erettrometria notturna, che serve per verificare la presenza di eventuali erezioni durante il sonno.
  • Dosaggi ormonali, in particolare della prolattina e del testosterone, che possono influire sulla reazione di erezione.
  • Test alla papaverina, ovvero l’iniezione di questa sostanza vasodilatatrice nel pene, utile a valutare il suo funzionamento.
  • Eco-doppler penieno, arteriografia e cavernosografia, che servono a verificare la presenza di disfunzioni vascolari.
  • Potenziali evocati sacrali(PESS) che stimolano l’erezione per valutare l’integrità delle vie nervose.
  • Attento esame del pene e dei testicoli ed il controllo nervoso per la sensibilità
  • Esami del sangue per la verifica di eventuali segni di malattia cardiaca, diabete, livelli bassi di testosterone e altri disturbi di salute.
  • Esame delle urine che sono usati per cercare tracce di diabete ed altri disturbi fisici.

Nella maggior parte delle cause fisiche dell’impotenza maschile, troviamo:

  • Patologie cardiache, vasi sanguigni intasati (aterosclerosi), pressione alta,
  • Obesità, Diabete,
  • Aumentata pressione sanguigna, alti livelli di insulina, grasso corporeo intorno alla vita e colesterolo alto,
  • Sclerosi Multipla, Morbo di Parkinson,
  • Testosterone basso,
  • Malattia di Peyronie con formazione di tessuto cicatriziale nel pene,
  • Alcuni farmaci, alcolismo ed abuso di altre sostanze, uso di tabacco,
  • Trattamenti per il cancro alla prostata o per ingrandimento della prostata,
  • Interventi chirurgici o lesioni che colpiscono l’area pelvica od il midollo spinale.

Per venirti in aiuto, ti proponiamo un programma di rimedi naturali disfunzione erettile a base di Aloe Vera senza aloina, integratori a base di VitamineL- Arginina, Aglio e Ginkgo.

Contattami per ricevere gratuitamente una mia consulenza

Gel di Aloe Vera da bere

Aloe Vera Gel – art. 15

OPPURE

Scopri a cosa corrisponde l’impotenza maschile dal punto di vista psicosomatico, clicca qui per saperne di più.

psicosomatica